glottologia labiovelari appunti

Lezione 10: Le labiovelari.

Ottobre 26th, 2015 Posted by Glottologia, Risorse di... 0 thoughts on “Lezione 10: Le labiovelari.”

GLOTTOLOGIA: Ricostruzione dell’indoeuropeo: le labiovelari

Lezione 10: Le labiovelari.

Le labiovelari sono suoni velari accompagnati da un arrotondamento delle labbra [w]: kw ; gw ; ghw

Es. italiano: cin[kw]e; lin[gw]a → l’elemento labiale è cresciuto fino a diventare autonomo

Sono rari nelle lingue del mondo.
Tuttavia si attribuiscono all’indoeuropeo per due ragioni:
1) molte lingue le hanno avute in epoca storica
2) nelle lingue i.e. si sono semplificate in semplici velari o labiali, quindi si prendono come punto di partenza degli elementi che avessero entrambe le caratteristiche: le labiovelari.

» LATINO
1) labiovelare sorda [kw]
– per lo più conservata                                                          es. quinque < *quemque <*pemque <* penkwe
– semplice velare dopo consonante                                    es. lictus (da linquo)
– semplice velare se precede [j] per dissimilazione         es. socius < *sokwjos (forse da “linquo”)

2) labiovelare sonora [gw]
– si conserva dopo nasale es. inguen <*engwen <* ṇgwen
– altrimenti si semplifica in [w] es. vivus < * gwiwos (il 1° era letto [uiuus])

3) labiovelare sonora aspirata [ghw] NON SI CONSERVA:
– inizio parola [f]                           es. formus <*ghwor = caldo
– tra vocali [w]                               es. nivem < *(s)nighw-
-dopo nasale [gw]                         es. ninguit < *(s)ninghw-


 

» LINGUE ITALICHE
Sviluppano l’elemento labiale:
kw → p
gw → b
Le aspirate sono poco documentate.

Es. osco: pis = chi < *kwis – lat: quis
osco e umbro: *pompe <*penkwe
lat e ita: *penkwe > * quemque > quinque > cinque (assimilazione, chiusura “e”, dissimilazione)
osco umbro: *penkwe > penpe > pempe > pompe (assimilazione, assimilazione perché [w] ha labializzato “e”)
Infatti “Pompeus” = il quinto – lat: Quintus
Pompei

e > o perché la [w] ha labializzato la “e”
Es. *newos > greco: neos
ingl: new
lat: nowos > nowus

ECCEZIONI: Contaminazione tra gli esiti italici e latini.
Lat: bos, bovis < *gwow- (esito regolare “wow-”)
lat: popina < *kwokwina (accanto al regolare “coquina”)
lat: Pompei


 

» LINGUE SATEM
Esito velare: esse vanno a coincidere con gli esiti delle velari pure. In alcuni casi legati al contesto
(davanti a vocale palatale), le velari hanno subito palatalizzazioni secondarie.


» LINGUE GERMANICHE
Le labiovelari vengono scisse nei due elementi costitutivi.
Kw > k + w > x + esito del legamento
gw > g + w > k + esito del legamento
ghw>gh+w > g + esito del legamento
(Grimm)


» GRECO
Bisogna distinguere tra:
1) GRECO MICENEO (II millennio: 1500-1200 a.C.): scritto nell’alfabeto sillabico “lineare B”.
Si conservano sempre tranne quando c’è una “u” → in questo caso si semplificano nella velare corrispondente.
Es. boukòlos < *-kwolos = pastore + *gwou = di buoi
miceneo: quo-u-ko-ro

2) GRECO (I millennio)
L’esito della labiovelare è condizionato dalle vocali vicine.

labiovelari in greco

Perché?
Perché il greco si è fatto pilotare dalla GRAVITA’delle vocali.
+ grave = a, o: suono sulle labbra e quindi la bocca è cassa di risonanza
+ acute (- gravi) = e, i: suono si articola sui denti e quindi si hanno 2 casse di risonanza la “u” provocava già un mutamento nel greco miceneo

Es. lat: quis < * kwis
greco: tis

Es. lat: quo < *kwo
greco. Po (come in po-teros = quale dei due)

Es. lat: inguen < *ṇgwen =rigonfiamento, quindi inguine
greco: aden = ghiandola

ECCEZIONI:

a) Formazioni analogiche
es. anatolé da anatello =sorgo, mi levo, spunto
= sorgere del sole
e non < *anakwole → esito normale sarebbe: anapole

b) Diversi gruppi dialettali
» SANSCRITO
Si semplificano confluendo nelle velari pure, palatalizzandosi davanti a palatale (→ le velari
palatali si anteriorizzano)
Es. penkwe > penke > penče > pamča
kw > č (assimilazione secondaria)
“-m-” = assimilazione della “n” con la “č”


LEGGI ALTRI ESEMPI

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

No comments yet. You should be kind and add one!

Leave a Reply

Your email address will not be published.This is a required field!

<small>You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes:<br> <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>