Catullo Carme 7
Metrica, testo, traduzione e paradigmi di Catullo Carme 7.

Metro: Endecasillabi faleci

catullo carme 1

Carme 7

Quaèris quòt mihi bàsiàtiònes

tùae, Lèsbia, sìnt satìs supèrque.

Quàm magnùs numerùs Libýssae arènae

làsarpìciferìs iacèt Cyrènis,

òraclùm1 Iovis ìnter aèstuòsi

èt Battì veterìs sacrùm sepùlcrum,

àut quam sìdera mùlta, cùm tacèt nox,

fùrtivòs hominùm vidènt amòres,

tàm te bàsia mùlta bàsiàre

vèsanò satis èt supèr Catùllo est;

quaè nec pèrnumeràre cùriòsi

pòssint nèc mala fàscinàre lìngua.

(1) In questo caso -um non si elide, perché la I di Iovis è semiconsonantica.

 

Traduzione:

(Mi) chiedi quanti baci

tuoi, Lesbia, siano per me più che sufficienti [lett.: sufficienti e di troppo].

Quanto (è) grande il numero (dei granelli) di sabbia libica

(che) si stende a Cirene produttrice di silfio,

tra l’oracolo di Giove infocato

e il santo sepolcro dell’antico Batto,

o quante (sono) le stelle (che), quando tace la notte,

vegliano/spiano gli amori furtivi degli uomini,

tanti sono i baci che tu devi baciare

perché a Catullo pazzo (di amore) sia sufficiente e di troppo,

(tanti) che i maligni non possano contarli,

né la lingua maligna (possa) gettarvi il malocchio.

 

Paradigmi:

Quaero, is, quasivi, quasitum, ĕre = chiedere

Sum, es, fui, esse = essere

Iaceo, es, iacui, iaciturus, ēre = giacere

Taceo, es, tacui, tacitum, ēre = tacere

Video, es, vidi, visum, ēre = vedere

Pernumero, as, avi, atum, are = contare

Possum, potes, potui, posse = potere

Fascino, as, avi, atum, are = lanciare il malocchio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *