Catullo Carme 3
Metrica, testo, traduzione e paradigmi di Catullo Carme 3.

Metro: Endecasillabi faleci

catullo carme 1

Carme 3

Lùgete, ò Venerès Cupìdinèsque,

èt quantùmst hominùm venùstiòrum!

pàsser mòrtuus èst meaè puèllae,

pàsser, dèliciaè meaè puèllae,

quèm plus ìlla oculìs suìs amàbat:

nàm mellìtus eràt suàmque nòrat

ìpsam tàm bene quàm puèlla màtrem,

nèc sese à gremio ìllius movèbat,

sèd circùmsilièns modo hùc modo ìlluc

àd solàm dominam ùsque pìpiàbat.

Quì nunc ìt per itèr tenèbricòsum

ìlluc, ùnde negànt redìre quèmquam.

àt vobìs male sìt, malaè tenèbrae

Òrci, quae òmnia bèlla dèvoràtis:

tàm bellùm mihi pàsserem àbstulìstis.

Ò factùm male, ò misèlle pàsser:

tùa nùnc operà meaè puèllae

flèndo tùrgidulì rubènt ocèlli.

 

Traduzione:

Piangete, o Veneri e Amorini

e tutti voi uomini raffinati (lett.: quanto vi è di uomini piuttosto raffinati):

il passero della mia fanciulla è morto,

il passero, delizia della mia fanciulla,

che ella amava più dei suoi occhi.

Infatti era delizioso (= dolce come il miele) e conosceva la sua

(padrona) così bene come una fanciulla (conosce) sua madre,

e non si muoveva dal suo grembo,

ma saltellando ora qua ora là

pigolava sempre (rivolto) alla (sua) sola padrona.

E quello ora va per quel cammino tenebroso

là, da cui dicono che non torni nessuno (lett: negano che qualcuno ritorni)

Ma sia male a voi, malvagie tenebre

dell’Orco, che divorate tutte le cose graziose;

mi avete portato via un passero così grazioso.

O disgrazia! O povero passerotto (lett.: o miserello passero)!

Ora per causa tua gli occhietti/ dolci occhi della mia fanciulla

si arrossano gonfi per il piangere (flendo).

Paradigmi:

Lugeo, es, lexi, luctum, lugĕre = piangere

Morior, eris, mortuus sum, mori = morire

Amo, as, avi, atum, are = amare

Nosco, is, novi, notum, ĕre = conoscere

Moveo, es, movi, motum, ēre = muovere

Circumsĭlio, is, ire = saltare attorno

Pipio, as, are = pigolare

Eo, es, ivi, itum, ire = andare

Nego, as, avi, atum, are = negare

Redeo, is, ii, itum, ire = ritornare

Sum, es, fui, esse = essere

Devŏro, as, avi, atum, are = divorare

Aufĕro, aufĕrs, abstŭli, ablatum, auferre = sottrarre, portare via

Fleo, es, flevi, fletum, ēre = piangere

Rubeo, es, rubui, ēre = arrossarsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *