Catullo Carme 1
Metrica, testo, traduzione e paradigmi di Catullo Carme 1.

Metro: Endecasillabi faleci

catullo carme 1

Carme 1

Cùi donò lepidùm novùm libèllum

àridà modo pùmice èxpolìtum?

Còrnelì, tibi: nàmque tù solèbas

mèas èsse aliquìd putàre nùgas

iàm tum, cum àusus es ùnus Ìtalòrum

òmne aevùm tribus èxplicàre chàrtis,

dòctis, Iùppiter, èt labòriòsis.

quàre habè tibi quìdquid hòc libèlli,

quàlecùmque: quod, ò patròna vìrgo,

plùs unò maneàt perènne saèclo.

Traduzione:

A chi dono (questo) elegante nuovo (=appena fatto) libretto

levigato or ora con l’arida pomice?

Cornelio, a te: e infatti tu solevi pensare che le mie cosucce (nugae) valessero qualcosa,

già allora quando osasti, unico tra gli Italici,

raccontare tutta la storia in tre libri,

dotti, per Giove, e faticosi.

Perciò prenditi questo qualcosa di libretto,

qualunque sia il suo valore (qualecumque): e questo, o vergine patrona,

possa durare perenne per più di una generazione.

Paradigmi:

Dono, as, avi, atum, are = donare

Expŏlio, is, ivi, itum, ire = levigare

Soleo, es, solitus sum, ēre = essere solito

Puto, as, avi, atum, are = ritenere

Sum, es, fui, esse = essere

Maneo, es, mansi, mansum, ēre = rimanere

Audeo, es, ausus sum, ēre = osare (semideponente)

Explico, as, avi, atum, are = spiegare, esporre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *